Ambiente Comunicati Stampa
Dati Regione già noti, adesso Emiliano porti carte in Procura. Ilva va chiusa
3 ottobre 2016
0
, ,

Benvenuto governatore Emiliano. Ben arrivato.

Accogliamo oggi, con malinconica soddisfazione, l’iscrizione di Michele Emiliano al partito dei cittadini realisti, movimento largo che attraversa i pugliesi svegli, consapevoli, documentati, tra i quali si annoverano anche i malati oncologici una cui delegazione Emiliano ha incontrato a Taranto la scorsa settimana.

Benvenuto tra noi, governatore della Puglia, tra quelli che da anni ripetono, mostrano, denunciano, indicano questi numeri e parlano di nesso di causalità tra produzione di acciaio e malattia che in tanti casi significa morte!

Stavolta è la Regione che parla.
Stavolta nemmeno il sindaco di Taranto può far finta di nulla, chiedendo il conforto delle autorità e della scienza.
La Regione cita fonti autorevoli e giunge a supporto di altri studi, altre rilevazioni, altre denunce. Anzi, in taluni casi rincara anche la dose certificando un dato vero e inquietante, per chi ancora dovesse far finta di nulla: Ilva produce meno e inquina lo stesso anche se in misura inferiore.
Ilva produce e avvelena, è incontrovertibile.
Ambiente Svenduto è ormai un processo storico rispetto alla denuncia che giunge stamane da Bari.
Emiliano sia adesso conseguenziale e fermi la fabbrica per i poteri che all’improvviso ha scoperto di avere. E porti queste carte in Procura, a Taranto. Così come il sindaco della città ionica, e perché no anche quelli di Massafra e Statte, fermino gli altiforni con una ordinanza coraggiosa e opportuna.

Quel ferro vecchio va rottamato.
Gli operai potrebbero occuparsi della bonifica dell’area, esistono fondi europei da mattere a sistema. Lo abbiamo già detto e lo ripetiamo oggi, pochi minuti dopo aver accolto il governatore della Puglia nella pattuglia dei cittadini realisti.
Che si chiuda, però. Che non si continui a giocare con le parole, non si usi questa storia maledetta per fare la guerra a Renzi e magari scalare il Pd.

Soprattutto, non sia il viatico verso l’idea strampalata chiamata “decarbonizzazione”.
Ilva va chiusa. Taranto è ancora in tempo per programmare un futuro senza acciaio: riconvertire si deve!
Emiliano dimostri che andare sino in fondo si può. Senza tanti giri di parole.

 

There are 0 comments

ROSA D'AMATO