Comunicati Stampa
FONDI UE, D’AMATO (M5S) A VENDOLA: RENDA PUBBLICHE MOTIVAZIONI BRUXELLES SU SOSPENSIONE PAGAMENTI PER 523MLN
12 marzo 2015
3
, , ,

Strasburgo, 12 marzo 2015

“La Puglia non ha dato sufficienti garanzie nei controlli sulle spese effettuate con i fondi europei, tanto che Bruxelles ha riscontrato diverse e gravi criticità e per questo ha deciso di sospendere pagamenti per ben 523 milioni di euro. Non lo diciamo solo noi, ma la Commissione europea. Il presidente Vendola, invece di attaccarci e appellarsi a fantomatiche strumentalizzazioni politiche, faccia un atto di trasparenza e renda pubblici i documenti dell’Ue in cui si spiega il perché dello stop ai pagamenti”. Così l’eurodeputata pugliese del Movimento 5 Stelle, Rosa D’Amato, risponde alle parole del governatore Nichi Vendola in merito alla sospensione, resa nota dalla stessa D’Amato, di 523 milioni di euro di pagamenti che l’Ue avrebbe dovuto erogare alla Puglia per progetti realizzati nell’ambito dei fondi strutturali 2007-2013.
“A differenza di ciò che dice Vendola – continua – l’interruzione e la sospensione dei pagamenti non è una ‘prassi normale’ ma è in realtà una procedura avviata solo laddove vi siano ‘carenze significative nel funzionamento dei sistemi di gestione e di controllo’, tali da compromettere ‘l’affidabilità della procedura di certificazione dei pagamenti e per le quali non sono state adottate misure correttive’”.
In altre parole, continua D’Amato, “la Puglia non solo non ha controllato adeguatamente la spesa di mezzo miliardo di fondi europei, ma non ha adottato le opportune contromisure. E stiamo parlando di una vicenda segnalata da Bruxelles già nel luglio del 2014”.
“Invece di insultare e gridare al complotto – conclude l’eurodeputata M5S – perché Vendola non ci spiega esattamente quanto contenuto nel provvedimento di interruzione della Commissione? A noi non interessano le polemiche strumentali, ci interessa la trasparenza e la corretta informazione ai cittadini pugliesi. Oltre all’uso virtuoso di risorse che dovrebbero servire a promuovere sviluppo e occupazione”.

Rassegna

CorriereDelMezzogiorno.it 

There are 3 comments

  • michele arcadio ha detto:

    Queste relazioni rendicontali non dovremmo chiederle ma dovrebbero essere pubblicate in automatico perché dovute ai cittadini. Dovrebbe diventare un obbligo con sanzioni personali

  • carlo marchese ha detto:

    Vendola il bugiardo di sempre. Ha la faccia tosta di accusare gli altri di complotto, ha dimenticato il complotto che lui e Bertinotti tesero a Prodi liquidandolo da capo del Governo? E quello teso a Bersani dopo che gli aveva garantito la presenza in Parlamento e la elezione della Boldrini a Presidente della Camera non votando Prodi? Ormai è finitom ancora una volta lo salverà il PD alle Regionali se raggiungerà il 4%, si vedrà.

  • maurizio ha detto:

    giustissima la richiesta!! forse varrebbe la pena insistere con la richiesta, anche pubblicamente attraverso la stampa, affinchè vengano pubblicati i documenti, le lettere intercorse tra regione e UE e tutto il materiale disponibile affinchè i cittadini vengano debitamente informati su questi fondi pubblici bloccati grazie all’inefficienza del sistema di AUDIT della Regione Puglia e affinchè le responsabilità vengano rese evidenti!!

  • ROSA D'AMATO