Comunicati Stampa
ILVA, D’AMATO (M5S) A UE: UN PIANO DI RISANAMENTO AMBIENTALE E DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER TARANTO
29 novembre 2014
0
, , ,

Bruxelles, 28 novembre 2014

Un impegno preciso e concreto per istituire piani di riconversione industriali che garantiscano la sicurezza e la salute dei lavoratori e dell`ambiente, e là dove necessario, come a Taranto, la dismissione dei siti industriali inquinanti e piani di risanamento ambientale dei territori limitrofi”. E’ quanto chiede alla Commissione Ue l’eurodeputata del Movimento 5 Stelle, Rosa D’Amato, che intervenendo alla plenaria di Strasburgo ha duramente attaccato chi, come Massimiliano Salini dell”Ncd di Alfano, sostiene che la difesa dell’ambiente sia un comportamento anti industriale (qui il video):

“E’ ora di finirla di anteporre il profitto delle multinazionali alla salute dei cittadini e a un sano e reale sviluppo dei territori – ha detto –  Guardiamo all’Ilva di Taranto: che fine hanno fatto la pesca, l’allevamento, l’agricoltura in quel territorio? Quanti morti, quanti tumori, quante malformazioni si concentrano nella città?”.

Sull’Ilva, D’Amato ha chiesto all’Ue di far rispettare le direttive comunitarie: “Parliamo di un’azienda cui sono attribuite 490 morti tra popolazione e dipendenti, che ha palesemente violato i principi di precauzione, di azione preventiva e del chi inquina paga previsti dal Trattato sul funzionamento dell’Ue, oltre alla Direttiva europea sulle emissioni industriali”.

In tutti questi anni, “le responsabilità della classe politica sono state enormi, anche qui in Europa, sia per la mancata tutela della salute degli abitanti e dei lavoratori, sia per gli ostacoli opposti alla competitività delle nostre aziende pulite”.

RASSEGNA STAMPA

unnamed (8)

 

There are 0 comments

ROSA D'AMATO