Ambiente Regi
Perturbatori endocrini, D’Amato: Commissione Ue viola trattati, difendere salute cittadini
8 giugno 2016
0
Ecco il testo del mio intervento a Strasburgo contro questo ennesimo scandalo sulla pelle dei cittadini:

Da oltre due anni e mezzo è scaduto il termine entro cui la Commissione doveva adottare gli atti delegati per la definizione dei criteri scientifici sui perturbatori endocrini. Si trattava di un obbligo chiaro, preciso e incondizionato.

Già a marzo 2013 pero’ un comitato scientifico ad hoc istituito dalla Commissione stessa aveva fatto una proposta completa sui criteri scientifici basata su tre anni di lavoro condotto da esperti.

Perchè la Commissione non ne ha mai tenuto conto? Perchè la Commissione, in aperta violazione del diritto UE e dei trattati di cui dovrebbe essere custode, ha sentito la necessità di fare una valutazione d’impatto per nulla richiesta? E per di più parliamo di una valutazione di impatto socio economico, strumento assolutamente inadeguato per decidere su una questione di natura scientifica!

Non si puo’ più sopportare questa arroganza della Commissione anche perchè per avere questa famosa valutazione dovremo ancora aspettare.

Per questa ragione ho appoggiato pienamente la proposta di risoluzione votata oggi: il Parlamento, espressione democratica della volontà dei cittadini europei, ha il dovere di condannare la Commissione per non aver ottemperato ai suoi obblighi e chiediamo che venga al più presto stabilito cosa sia un perturbatore endocrino e cosa non, SOLO e SOLTANTO sulla base di stabili criteri scientifici. Proteggere i cittadini e l’ambiente applicando il principio di precauzione è la priorità, prima di qualunque interesse commerciale ed economico.

There are 0 comments

ROSA D'AMATO