Ambiente Comunicati Stampa Regi
Rifiuti Radioattivi: UE pronta ad aprire procedura di infrazione
14 febbraio 2016
0
, , , ,

Lo comunica la Commissione europea in una lettera all’eurodeputata D’Amato (M5S)

La Commissione europea è pronta ad aprire una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia per non essersi ancora dotata di “un programma nazionale di gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi”. E’ quanto ha comunicato la Direzione generale Energia della Commissione Ue rispondendo a una lettera dell’eurodeputata del Movimento 5 Stelle, Rosa D’Amato. Nella sua lettera, D’Amato ha denunciato la gravissima situazione del megadeposito di rifiuti radioattivi di Statte, alle porte di Taranto, e ha chiesto all’Esecutivo europeo notizie sullo stato d’attuazione del programma nazionale previsto dalla direttiva Euratom. “La risposta è chiara – dice l’eurodeputata M5S – L’Italia non ha ancora presentato il suo programma, tant’è che la Commissione, secondo quanto ci ha comunicato nella lettera, ha dovuto sollecitare le autorità italiane chiedendo chiarimenti sui tempi di attuazione. La risposta deve arrivare entro il 13 gennaio 2016, ossia entro il prossimo mercoledi’”.
In caso di mancata risposta, si legge nella lettera, “la Commissione prenderà azioni appropriate nel rispetto della legge comunitaria. La Commissione potrebbe chiedere chiarimenti sul contenuto del programma nazionale. Se il programma non dovesse essere in linea con le richieste della direttiva, la Commissione prenderà in considerazione l’apertura di una procedura d’infrazione”.

“Al di là dei toni burocratici – attacca D’Amato – è chiaro che, dopo la figuraccia sui migranti e sull’Ilva, siamo dinanzi a un nuovo schiaffo in faccia da parte di Bruxelles al governo Renzi. L’Italia rischia una nuova procedura d’infrazione. Ma quello che più mi fa rabbia, da tarantina, è constatare come il governo pensi ancora a tenere in vita un ecomostro come l’Ilva invece di promuovere una reale bonifica del territorio che comprenda il deposito Cemerad di Statte. Ossia – continua – quella vergogna grande 1.140 metri cubi di rifiuti radioattivi”.
D’Amato annuncia anche un nuovo fronte di battaglia sempre sulla questione rifiuti radioattivi: “Presenteremo un’interrogazione alla Commissione europea per chiedere se i costi per la gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi delle centrali Enel italiane siano conformi alle direttive Ue dal momento che tali costi sono stati fatti ricadere sui cittadini attraverso le bollette elettriche”.

Ilfattoquotidiano.it“Nucleare, Italia a rischio infrazione: la Commissione europea aspetta ancora il programma per la gestione dei rifiuti”

There are 0 comments

ROSA D'AMATO