Comunicati Stampa Varie
Taranto, l’Amministrazione Stèfano ferma al palo con le procedure di esproprio per portare acqua e fogna nei quartieri Talsano, Lama e San Vito
11 ottobre 2016
0

L’Amministrazione Stèfano resta immobile difronte alle richieste dei cittadini di Talsano, Lama e San Vito volte ad ottenere acqua e fogna. Su sollecitazione dei cittadini residenti, il 17 giugno scorso ho inoltrato una lettera al Sindaco, all’Assessore ai Lavori Pubblici Lonoce e ai Dirigenti del Settore Risorse Finanziarie e Patrimonio per sapere se l’Amministrazione aveva provveduto alla redazione/descrizione dei beni catastali da espropriare, all’individuazione e la valutazione delle stesse, alla redazione degli stati di consistenza e del relativo tipo di frazionamento per l’acquisizione delle aree e per conoscere i tempi stimati per la definitiva acquisizione delle aree e la consequenziale attivazione delle procedure per l’avvio degli interventi idrico-fognari nei quartieri Talsano, Lama e San Vito/

Come è noto per la realizzazione di tali opere è stato costituito un gruppo di lavoro per porre in essere delle operazioni preliminari alle fasi di espropriazione. La Direzione Patrimonio del Comune di Taranto richiedeva, in data 02/12/2015, richiedeva alla Società Infrataras S.p.A. di attivare le procedure previste dall’articolo 2 del contratto di servizio, che prevede per la società la possibilità di eseguire ulteriori prestazioni di servizio mediante incarichi specifici. La Società Infrataras valutava gli oneri finanziari aggiuntivi determinandone il costo in € 151.000,00 più IVA stimando in sei mesi i tempi previsti per la definizione della pratica.
La risposta giunta da Palazzo di città è stata disarmante. L’Acquedotto pugliese ha provveduto a redigere i Piani Particellari di esproprio dei tre Lotti, sia analitici che grafici. Si resta ancora in attesa dell’affidamento dell’incarico ad Infrataras per il servizio relativo all’espletamento delle complesse procedure tecnico-amministrative riferite all’acquisizione delle aree ricadenti nei quartieri in oggetto. Solo in una fase successiva si predisporranno i frazionamenti e i decreti definitivi di esproprio, che interesseranno oltre 50 espropriandi.
Siamo ben lontani dal vedere la parola “FINE” su questa legittima richiesta di civiltà da parte dei cittadini di Talsano, Lama e San Vito a causa di una amministrazione troppo presa nell’imbastire strategie da mettere in campo in campagna elettorale piuttosto che occuparsi dei veri problemi di Taranto e dei cittadini.

There are 0 comments

ROSA D'AMATO