Agri Agricoltura Comunicati Stampa
Xylella: Con il nuovo regolamento UE eviteremo piani dannosi e inefficaci come quello di Silletti
17 dicembre 2015
0
,

Una maggiore attenzione alle misure di contenimento e di prevenzione, con una stretta decisa sull’uso dei pesticidi e con compensazioni per le aree colpite. Più trasparenza e un maggiore coinvolgimento degli attori del territorio nelle situazioni di emergenza e nella scelta delle misure da adottare. E inoltre una stretta sulle importazioni delle piante aliene con più controlli per evitare l’introduzione di batteri o altri agenti nocivi. Sono questi alcuni dei punti chiave del nuovo regolamento Ue sui parassiti delle piante che è stato approvato oggi da Parlamento, Commissione e Consiglio europei. “Un regolamento molto importante per la Puglia – commenta l’eurodeputata del Movimento 5 Stelle Rosa D’Amato che ha contribuito alla stesura del testo – Questo regolamento, infatti, rappresenta un’occasione di riscatto rispetto a quello che sta accadendo ormai da mesi con l’emergenza Xylella fastidiosa, dato che sostituirà una direttiva vecchia di 15 anni sulla quale si basa gran parte della gestione dell’emergenza in Salento”.

“Nel regolamento – continua D’Amato – abbiamo lavorato sulla sicurezza riducendo le possibilità di introduzione dei patogeni attraverso lo stop all’ingresso per esibizioni, limitando la vendita delle piante via internet, chiedendo un passaporto anche per le piante vendute agli utenti finali ed evitando che alcuni stati membri possano commerciare liberamente le piante a danno di altri. Inoltre, si dà maggiore attenzione anche alla tutela di piante ‘non in produzione’ come gli ulivi secolari, il cui valore è anche culturale e sociale”.

“Ma la vera differenza di questo regolamento rispetto alla direttiva precedente – prosegue l’eurodeputata M5S – sta nell’aver fissato dei principi chiari nella gestione del rischio. Tra questi, l’impatto minimo sul territorio’, la ‘non discriminazione’, soprattutto per ragioni di commercio interno, e la ‘giustificazione tecnica’ al fine di scegliere la migliore soluzione al problema sulla base di reali evidenze scientifiche. Evidenze che sono mancate quando il governo Renzi ha varato il piano anti-Xylella, il cui fallimento è purtroppo sotto gli occhi di tutti”.

There are 0 comments

ROSA D'AMATO